Categoria: News

Porta in viaggio i tuoi abbonamenti digitali: dichiarazione comune della Commissione europea, del Parlamento europeo e della presidenza bulgara del Consiglio dell’UE

Dal 1º aprile 2018 gli Europei potranno accedere, ovunque si trovino nell’UE, ai contenuti online per i quali hanno sottoscritto un abbonamento nel proprio paese. Il Vicepresidente della Commissione europea Andrus Ansip, la Commissaria Mariya Gabriel, il ministro bulgaro dei Trasporti, della tecnologia dell’informazione e delle comunicazioni Ivaylo Moskovski e i membri del Parlamento europeo Pavel Svoboda e Jean-Marie Cavada hanno rilasciato la seguente dichiarazione:

“I cittadini sono al centro di tutte le nostre iniziative digitali. A partire dal 1º aprile, ovunque si rechino nell’UE i cittadini non dovranno più perdersi i film, le serie televisive, le trasmissioni sportive, i giochi o gli e-book per i quali hanno sottoscritto un abbonamento digitale nel proprio paese. La normativa si applicherà ai servizi a pagamento, ma i fornitori di contenuti gratuiti potranno decidere di applicarla. Anche i fornitori di contenuti on-line beneficeranno delle nuove norme e non saranno più costretti ad acquistare licenze per le regioni in cui viaggiano i loro abbonati.

L’eliminazione degli ostacoli che a lungo hanno impedito agli Europei di fruire dei loro abbonamenti digitali e dei relativi contenuti anche quando sono in viaggio è un nuovo successo del mercato unico digitale per i nostri cittadini e fa seguito all’abolizione effettiva dei costi di roaming, di cui i consumatori di tutta Europa usufruiscono dal giugno 2017.

La nuova normativa risponde direttamente ai comportamenti e alle abitudini più recenti dei cittadini europei che fanno uso delle nuove tecnologie. Ad esempio, la spesa dei consumatori per i servizi di streaming video in abbonamento è aumentata del 113 % all’anno tra il 2010 e il 2014, mentre l’incremento del numero di utenti è stato del 56 % tra il 2014 e il 2015. Secondo le stime, inoltre, nell’UE sono almeno 29 milioni le persone che potrebbero utilizzare la portabilità transfrontaliera (il 5,7 % di tutti i consumatori): una cifra destinata ad aumentare notevolmente per raggiungere i 72 milioni di consumatori entro il 2020.

Inoltre quasi il 60 % dei giovani europei dichiara che la facoltà di viaggiare continuando a fruire dei loro abbonamenti è un fattore importante nel momento in cui scelgono di abbonarsi ai servizi on-line. Il concretamento della portabilità risponde a questa preoccupazione e contemporaneamente aiuterà i prestatori di servizi ad aumentare il numero degli abbonati.

La conclusione di un accordo sulla portabilità è un ottimo risultato, frutto della stretta collaborazione tra le istituzioni dell’UE, le imprese europee e i soggetti interessati; confidiamo pienamente che le emittenti e le piattaforme sapranno cogliere questa opportunità per migliorare le esperienze degli utenti. Quello di oggi è un nuovo tassello nella costruzione di un vero mercato unico digitale e di una società digitale europea unita, accessibile a tutti i nostri cittadini e redditizia per le nostre imprese.”

fonte: Commissione europea – Rappresentanza in Italia

poster1 poster2

Manifestazione di interesse, nel ruolo di partner, allo svolgimento delle attività del Centro di informazione Europea della rete Europe Direct per il periodo 2018/2020

Si dà avviso di manifestazione di interesse rivolta ai soggetti privati locali per partecipare, nel ruolo di partner, allo svolgimento delle attività del Centro di informazione Europea della rete Europe Direct del Comune di Reggio Calabria per il periodo 2018/2020.

La pubblicazione dell’avviso presso l’Albo pretorio comunale è avvenuta il 20 marzo 2018.
La domanda di candidatura dovrà pervenire entro il 4 aprile 2018.

ALLEGATI
Avviso Manifestazione d’interesse
Allegato A
Allegato B
Allegato C

A scuola di Opencoesione ai Fortini di Pentimele

Presso il Fortino Sud di Pentimele, nella giornata del 15 Marzo 2018, il Centro Europe Direct di Reggio Calabria – Assessorato alle Politiche Europee, in collaborazione con l’Assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale, ha effettuato una visita all’insegna del monitoraggio civico dei finanziamenti pubblici sul territorio. Protagonisti gli studenti dell’ITE Piria di Reggio Calabria, scuola aderente al progetto nazionale denominato “A Scuola di Opencoesione”. Nel corso della mattina gli studenti del block house team dell’Istituto Piria, affiancati dalla docente, Prof.ssa Anna Scordo e dallo staff del Centro Europe Direct di Reggio Calabria, hanno ricostruito la storia del finanziamento pubblico legato alla riqualificazione e valorizzazione del Fortino Sud di Pentimele. Sul posto, i ragazzi hanno intervistato l’Assessore alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale della città di Reggio Calabria, Dott.ssa Irene Calabrò ed il Rup del Progetto, Arch. Daniela Neri, ricostruendo così la storia amministrativa di quest’ultimo, le difficoltà riscontrate durante i lavori di cantierizzazione, l’andamento della spesa, gli attori coinvolti, le attenzioni verso l’ambiente, le iniziative avviate dall’amministrazione di Reggio Calabria per valorizzare tale bene, le ricadute turistiche dell’intervento, la storia delle fortificazioni umbertine e tutte le problematiche subentrate che, a tutt’oggi, impediscono una quotidiana fruizione del Forte. Il progetto ASOC è strutturato in 5 steps: progettare, approfondire, analizzare, esplorare e raccontare e si concluderà il prossimo 9 maggio in occasione della Festa dell’Europa, organizzata, come ogni anno, dallo Europe Direct di R.C. con la presentazione del lavoro di ricerca alla comunità cittadina.

visita_monitoraggio_fortini

Per saperne di più
> A Scuola di Open Coesione
> Monithon